LYNYRD SKYNYRD: 50 anni di carriera. Un box con live

Condividi

LYNYRD SKYNYRD
A ottobre 2023 il cofanetto “FIFTY” per i 50 anni di carriera
50 brani con due live inediti e altri brani dal vivo

Geffen/Universal Music pubblica il prossimo 13 ottobre, in digitale e in un box di 4CD, FYFTY dei Lynyrd Skynyrd, in occasione del 50° anniversario di una delle band più importanti del rock & roll.

Le 50 tracce della band contenute in FYFTY rappresentano il meglio dei Lynyrd Skynyrd dall’inizio a fine carriera. All’interno del cofanetto i fan dei Lynyrd Skynyrd troveranno le radici della band attraverso le prime registrazioni ai Muscle Shoals e le loro canzoni che hanno definito la colonna sonora degli anni ’70. Ci sono poi i brani dello storico spettacolo tributo del 1987 che ha dato il via alla successiva reunion della band, sino a canzoni più recenti come “Last Of A Dyin ‘Breed” e “Last Of The Street Survivors”, e alla performance dal vivo di “Gimme Three Steps” tratta dallo spettacolo finale della band con il chitarrista co-fondatore Gary Rossington del novembre 2022, un brano live inedito.

FYFTY contiene un libretto dettagliato di 40 pagine con note scritte dallo stimato regista, giornalista rock e sceneggiatore Cameron Crowe oltre a note bio-discografiche a cura del giornalista rock di Detroit Gary Graff. FYFTY offre naturalmente diverse foto inedite della band originale e della band riformata, un’emozionante cronaca dei Lynyrd Skynyrd nell’intera carriera.

L’eredità dei Lynyrd Skynyrd è raccontata attraverso una lunga serie di grandi canzoni della band: mezzo secolo di materiale distribuito in 14 album in studio, antologie e registrazioni dal vivo che, nel corso degli anni, hanno portato alla luce gemme preziose e rarità inedite. “In un certo senso descriviamo quello che succede intorno a noi e scriviamo canzoni in modo che le persone si relazionino con loro”, dichiara Rossington nelle note di copertina. “Questo è sempre stato il nostro stile. L’abbiamo imparato da Ronnie Van Zant; ha sempre avuto un ottimo modo per scegliere un argomento e scrivere una bella storia attorno a esso in modo che le persone potessero relazionarsi. Stiamo solo cercando di continuare a farlo”.

La storia di Lynyrd Skynyrd è sicuramente interessante. Dopo cinque anni di tournée in piccoli locali sotto svariati nomi e con formazioni diverse, la band divenne ufficialmente Lynyrd Skynyrd a Jacksonville, in Florida, nel 1969. FYFTY contiene naturalmente i brani più conosciuti come “Sweet Home Alabama”, “Free Bird” in versione live inedita della performance della band al Fabulous Fox Theatre di Atlanta il 7 luglio 1976. Questi e altri brani iconici degli Skynyrd come “What’s Your Name”, “Gimme Three Steps”, “Simple Man”, “Call Me The Breeze”, e “That Smell” hanno tutti contribuito a rendere i Lynyrd Skynyrd una delle più grandi rock’n’roll band americane degli anni ’70, accostati ad artisti del calibro di The Rolling Stones e The Who.

L’inarrestabile ascesa del gruppo si fermò bruscamente e tragicamente il 20 ottobre 1977, quando l’aereo che portava gli Skynyrd al loro spettacolo a Baton Rouge, in Louisiana, si schiantò in una foresta del Mississippi: morirono, tra gli altri, tre membri della band, il cantante Ronnie Van Zant, il chitarrista Steve Gaines e la sorella, la corista Cassie Gaines. I chitarristi Gary Rossington e Allen Collins, il bassista Leon Wilkeson, il tastierista Billy Powell, il batterista Artimus Pyle e la corista Leslie Hawkins rimasero gravemente feriti, ma sono tutti sopravvissuti. A causa del tragico avvenimento i Lynyrd Skynyrd cessarono di esistere per un decennio.

La rinascita della band avviene nel 1987 per quello che doveva essere solo un tour tributo; fu sorprendente e controversa sino a quando il gruppo salì sul palco. Con il fratello minore Johnny Van Zant alla voce al posto del fratello Ronnie, i Lynyrd Skynyrd ritornaro ad essere una forza formidabile, pubblicando altri nove album in studio. Gli Skynyrd inserirono altri membri e dovettero salutarne altri, purtroppo scomparsi come come Collins nel 1990, Wilkeson nel 2001, Powell nel 2009, il chitarrista della prima formazione originale Ed King nel 1996 e, più recentemente, Gary Rossington, l’ultimo membro co-fondatore, che ci ha lasciato lo scorso marzo. Per fortuna, il canto del cigno di Rossington è quello della già citata versione live di “Gimme Three Steps” tratta dal suo concerto al Ryman Auditorium di Nashville del 13 novembre 2022.

Come lo stesso Johnny Van Zant ha detto in modo toccante del suo amico di una vita Gary, “Ci manca così tanto. Ora dovrò ricordare la sua voce per mantenere alto il morale e andare avanti. . . come un tributo, in modo che la gente possa ricordare lui, Ronnie e tutti gli altri che hanno fatto parte della band”.

Ancora forti e fedeli alla loro formazione attuale, i Lynyrd Skynyrd si sono uniti ai ZZ Top per il loro primo tour – The Sharp Dressed Simple Man Tour – da co-headliner, suonando insieme in 22 città americane durante l’estate.

Come ha sottolineato Cameron Crowe nella sua introduzione del booklet di FYFTY, mentre il rock & roll diventava sempre più grande, “attraverso tutto questo e realizzando ostinatamente un disco dopo l’altro in un modo autentico ed eccezionale, i Lynyrd Skynyrd salirono continuamente per diventare una delle più grandi band d’America” . La prova sono le 50 tracce contenute in FYFTY.

https://open.spotify.com/track/68M6DDAbPBYzEdTQeEhDQm?si=adbeb1e199db4fb7

LYNYRD SKYNYRD: FYFTY [4CD]

CD 1
1. Comin’ Home (Original Version)
2. I Ain’t The One
3. Gimme Three Steps
4. Tuesday’s Gone
5. Simple Man
6. Sweet Home Alabama
7. The Ballad Of Curtis Loew
8. Workin’ For MCA
9. On The Hunt
10. Made In The Shade
11. Whiskey Rock-A-Roller (Live)
12. All I Can Do Is Write About It (Acoustic Version)
13. Gimme Back My Bullets
14. Double Trouble

CD 2
1. Saturday Night Special (Live)
2. T For Texas (Blue Yodel No. 1) (Live)
3. Travelin’ Man (Live)
4. Free Bird (Live – Unreleased)
5. What’s Your Name
6. You Got That Right
7. I Know A Little
8. Down South Jukin’
9. White Dove
10. Was I Right Or Wrong?
11. Georgia Peaches
12. Mr. Banker

CD 3
1. Call Me The Breeze (Live)
2. That Smell (Live)
3. Smokestack Lightning
4. Southern Women
5. The Last Rebel
6. Born To Run
7. Devil In The Bottle
8. Talked Myself Right Into It
9. Berneice
10. Voodoo Lake
11. Tomorrow’s Goodbye

CD 4
1. Mad Hatter
2. Pick ‘Em Up
3. Red White And Blue
4. Skynyrd Nation
5. Simple Life
6. Still Unbroken
7. God & Guns
8. Gifted Hands
9. Start Livin’ Life Again
10. Mississippi Blood
11. Last Of A Dyin’ Breed
12. Last Of The Street Survivors
13. Gimme Three Steps (Live – Unreleased)

https://www.facebook.com/LynyrdSkynyrd


Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *