SECONDARY TICKETING: gli organizzatori dicono no ai biglietti nominali

Condividi

no ai biglietti nominali
BOCCIA LA LEGGE DEI BIGLIETTI NOMINALI
Aumenti dei prezzi in vista

di

no ai biglietti nominali

La guerra al secondary si allarga anche alla politica. Nella scorsa “finanziaria” (approvata nel dicembre 2018) l’Onorevole Battelli (del Movimento5Stelle) ha inserito in chiusura della legge una disposizione per cui i biglietti per concerti (oltre i 5000 presenti) messi in vendita dopo l’1 Luglio devono essere nominali. Al momento dell’effettiva entrata in vigore della disposizione (che raccoglie la maggioranza degli organizzatori di concerti) ha preso una netta posizione contraria alla norma.

Nominativi una disgrazia

La possibilità di emettere solo biglietti intestati, secondo i promoter è una disgrazia che porterà difficoltà organizzative, con code alle entrate ed un aumento del prezzo dei biglietti giustificato con l’incremento dei costi per i controlli agli accessi. Le previsioni di parlano di 8/10 euro a biglietto. Oltre a questo fosco scenario si preannunciano anche notevoli costi e procedure complesse per ogni eventuale cambio di nominativo (che deve sempre essere fatto sul primary ).

Questa legge (per ora è una Decreto Legge che a breve dovrebbe essere tramutato in Legge Ordinaria) porta con se strascichi polemici e diverse criticità che andrebbero a rendere difficile il lavoro degli organizzatori provocando danni ad un’industria, quella dei live, che sta al momento vivendo una stagione molto florida. Da più parti la disposizione di legge viene definita idiota, incredibile, pazzesca creata apposta per colpire un’industria che crea lavoro e guadagni.

ASSOMUSICA no ai biglietti nominali

Per la prima volta la categoria si trova compatta ed unita contro una decisione che a loro dire colpisce tutti, in primis i consumatori, cioè coloro che la legge vorrebbe tutelare. Altri problemi, segnalano i promoter, sono legati alla gestione dei biglietti omaggi destinati a sponsor (Roberto De Luca di dichiara nello scorso anno l’emissione di oltre 59.000 tagliandi di tale tipo) che attualmente sono emessi in anticipo e “regalati” in “blocco”. D’ora in avanti non possono essere più gestiti in anticipo e senza nomi.

Tanti altri problemi

A questo fanno notare si aggiunge il problema dei regali, l’apertura anticipata dei cancelli per smaltire le code previste e la necessità di essere sempre muniti di documento per andare ai concerti (tra tutte le problematiche segnalate, forse la meno significativa). Ma soprattutto l’applicazione delle nuove norme rende inutile il posto numerato. Con tale formula l’accesso ai concerti ora può avvenire anche pochi minuti prima dell’inizio. Con le code in programma tale vantaggio si annulla e occorrerà arrivare ben in anticipo rispetto alla prima nota.

Alle questioni pratiche ed organizzative gli aderenti di Assomusica hanno affiancato anche motivazioni “filosofiche” e “politiche” affermando che un concerto è follia, libertà, serenità, spontaneità, tutti elementi che il biglietto nominale eliminerebbe rendendo più complesso l’acquisto e determinando uno stato di Polizia per i successivi controlli in accesso ai concerti.

In sostanza però il timore degli organizzatori è che tutto questo possa provocare una contrazione nella vendita dei biglietti con quindi un minor introito per loro sino ad arrivare a dover ridurre i concerti.

ASSOMUSICA no ai biglietti nominali

Ancora dagli organizzatori si fa notare che i biglietti nominativi non hanno ridotto il fenomeno del bagarinaggio elettronico nella vendita dei posti per le partite di calcio ed anche che, a pochi giorni dall’avvio delle Legge, i siti di secondary (Viagogo su tutti), emettono già biglietti nominativi, quindi ponendosi “a norma di legge”.

Che fare?

Dunque, che fare? Per Assomusica ed associati l’unica soluzione è quella dell’oscuramento e chiusura dei siti che rivendono biglietti ed allo stesso tempo educare il pubblico ad acquisti attenti e responsabili. Peccato però che i siti possano, appena chiusi, essere riaperti in breve, dilatando il problema nel tempo.

Secondary : si ma….

Inoltre, se la categoria si è dimostrata compatta nell’opposizione al biglietto nominativo (sino a minacciare una disobbedienza civile da parte loro), non altrettanto succede nella ferma denuncia del fenomeno. Se da una parte alcuni condannano il secondary altri lo sottovalutano o non lo pongono come priorità. “Alla fine – Andrea Pieroni di Concerti – i biglietti venduti negli stadi sul secondary sono poche centinaia, ancora meno nei palasport e nulli nei club. Il fenomeno del bagarinaggio è endemico, fuori dai concerti ci sono sempre stati e mai nessuno ha fatto problemi. E poi – aggiunge – io sono per la libertà di scelta: se uno vuole spendere quei soldi libero di farlo. L’alternativa ce l’ha”.

Il mercato

Gli fa eco Maurizio Salvadori di Trident “Siamo in un mercato libero, quindi ognuno acquista dove vuole ed a quanto vuole. Bisogna convivere con il fenomeno, che tutto sommato non è un dramma.” In questo si dimentica che i siti di rivendita sono anche soggetti, per motivi di nazionalità, ad una tassazione differente.

Secondary una lotta difficile

Dunque la lotta al secondary presenta sicuramente grandi difficoltà. Certo la proposta dell’Onorevole Battelli è una toppa peggiore del buco, mal pensata e mal strutturata a cui gli organizzatori si oppongono fermamente. Probabilmente però per combattere il fenomeno bisogna anche andarne alla radice, capire come e dove i siti di secondary si “riforniscono” di biglietti e seguire accorgimenti tecnici ed organizzativi che permettano di bloccarli nelle loro attività. A questo va sicuramente aggiunta una corretta informazione del pubblico per l’acquisto a prezzi “onesti” e stabiliti.

Esposto ad AGCOM

Ps. Nel 2016 una legge in merito aveva dato mandato ad AGCOM di lavorare sul problema e iniziare a multare i siti di ST. Nello scorso Maggio Assomusica ha fatto un esposto ad AGCOM invitandola a procedere nelle multe perché sino quel momento niente era stato ancora fatto.


Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *