JACK SAVORETTI: la musica diventa essenziale ed avvolgente. Recensione concerto live Milano

Condividi


An Acoustic Night Tour
16 Aprile 2018

Milano

Voto: 8,5
Di

c’ha messo 4 anni di duro lavoro partendo da un’osteria di Bologna per riuscire a riempire i teatri italiani arrivando addirittura a triplicare la “sua” Genova. E’ arrivato a questo traguardo con un tour acustico, intimo , spoglio di quella veste rock che contraddistingue la sua produzione discografica.

Jack Savoretti Live Milano

E sebbene sul palco l’italo inglese sia in alcuni casi in completa solitudine accompagnato solo dalla sua chitarra acustica il pubblico viene catturato, magnetizzato dalla magia di quello che Savoretti regala al pubblico. Il silenzio è totale, il suo sussurro e la sua chitarra acustica sono i protagonisti assoluti dell’istante. Tale e tanta è la concentrazione del pubblico che quasi ci si dimentica di respirare, ammaliati da quella voce un po’ roca che si accompagna con pochi strumenti.

Jack Savoretti Live Milano

La scaletta che Savoretti presenta (accorciata rispetto a quella pubblicata che è “standard”) è un percorso che parte dall’essenzialità, quella di un’esibizione voce e chitarra ed arriva ad essere struggente ed avvolgente quando sul palco ci sono due chitarre acustiche, un piano ed un duo di archi composto da violino e violoncello. E’ un percorso emotivo, segnato dalle canzoni riproposte in arrangiamenti diversi ed asciutti, completamente acustici (dato il titolo del tour non potrebbe essere altrimenti).

Jack Savoretti Live Milano

L’essenza di questa musica così proposta la riporta al centro dell’attenzione, tende a muovere il fattore emotivo e …….. ci riesce benissimo. La bravura però di Savoretti è quella di non coprire mai di noia e di ripetitività una proposta che per la sua essenzialità e “semplicità sonora” può rischiare di cadere in questo “tranello”. il merito va anche al musicista che introduce la maggior parte delle canzoni con brevi racconti sulla storia e/o sul significato della canzone (molte sono brani d’amore). Nel farlo sceglie le parole e lo stile giusti, privo di retorica scherza su ciò che racconta, gioca con la lingua italiana e le sue difficoltà espressive, a volte s’incasina sui temi ma riesce benissimo a farsi capire. Inoltre dialoga con il pubblico che lo acclama come una vera star. Tutto questo alleggerisce ma non annulla la tensione dell’esibizione e soprattutto crea una grande empatia tra l’artista ed il pubblico (dalla platea arriva addirittura un “NUDOOOO” che diverte moltissimo Savoretti).

Non era facile riuscire a tenere due ore di spettacolo in questo modo eppure, circondato anche dai suo amici musicisti (un quintetto con il suo chitarrista Pedro Vito Vieira De Souza, il suo pianista Nikolaj Torp Larsen, e, direttamente dalla band di , Piergiorgio Rosso, al violino, e Francesca Gosio, al violoncello) che, nell’esercizio delle loro funzioni, riescono, con la loro morbidezza, a regalare colori e sfumature incredibili dando un grande contributo alla sostanza dello spettacolo.

Jack Savoretti Live Milano

L’Acoustic Night tour è un approccio alla musica essenziale, povero dal punto di vista sonoro ma ricchissimo da quello emotivo. E’ un riconciliarsi con la musica stessa, che in alcuni momenti raggiunge l’apoteosi (in “Catapult” ad esempio) e che termina con i brividi in un teatro ammutolito e commosso. E’ la rilettura che Savoretti fa di un classico di Luigi Tenco “Vedrai Vedrai” per piano e voce. Anche questo momento da solo varrebbe il biglietto.

Bravo dunque Savoretti che mostra di avere due anime, quella più elettrica e quella più intima ed acustica, si sa muovere con la stessa incisività in un ambiente delicato come un teatro nello stesso modo in cui suona in un festival. E lo fa conquistando il pubblico come è successo al Dal Verme di Milano, platea, che lui non si stanca mai di ringraziare sottolineandone il calore, che più volte si è alzata in una calorosa standing ovation. Ed era tutto meritato.

Da seguire

ACOUSTIC NIGHTS LIVE
15 aprile – Teatro Ponchielli – Cremona;
16 aprile – – Milano; SOLD OUT
18 aprile – Teatro Goldoni – Venezia; SOLD OUT
19 aprile – Teatro dell’Archivolto – Genova;
20 aprile – Teatro dell’Archivolto – Genova; SOLD OUT
21 aprile – Teatro dell’Archivolto – Genova; SOLD OUT
21 maggio – Teatro dell’Opera – Roma;
22 maggio – Auditorium Manzoni – Bologna; SOLD OUT
23 maggio – Teatro Alfieri – Torino;
25 maggio – Teatro Verdi – Firenze;
26 maggio – Teatro Regio – Parma;
28 maggio – Teatro Filarmonico – Verona; SOLD OUT

Total Page Visits: 912 - Today Page Visits: 1

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.