STICKY FINGERS: live a gennaio 2023

Condividi


Domenica 29 Gennaio 2023
Magazzini Generali

Milano

Arriva in Italia con i brani del nuovo album Lekkerboy la band australiana che ha fatto registrare più di 1 miliardo di streams.

La musica illumina anche i momenti più bui. Proprio quando ne hai più bisogno, una canzone lascia entrare un barlume di luce. Non importa quanto sia buio là fuori, abbiamo gli . La loro è una storia da underdog già degna di un racconto  o di un Behind The Music.

Il quintetto—Dylan Frost [voce solista, chitarra], Paddy Cornwall [basso, voce], Seamus Coyle [chitarra solista], Beaker “Beaks” Best [batteria, percussioni] e Freddy Crabs [tastiere, sintetizzatore]—si è formato nel 2008. Affermati come una delle più grandi band australiane, sono arrivati con tre album consecutivi nella Top 5, guadagnando dischi di platino e oro, superando 1 miliardo di stream e facendo registrare il tutto esaurito nei locali più consacrati del continente solitamente riservati per artisti del calibro di e . Tuttavia, il loro sound ibrido di alternative rock, reggae e psichedelica brilla più che mai nel loro quinto album del 2022, Lekkerboy.

Volevamo fare un disco edificante”, esclama Seamus. “Quindi, abbiamo cercato di creare qualcosa di più positivo e di superare l’oscurità“.
È personale per tutti noi”, elabora Dylan. “Ci siamo passati tutti con i blocchi, il COVID e le nostre stesse demo. È venuto fuori naturalmente come una fottuta rivoluzione. Superiamo tutto. Fioriamo. È una dichiarazione d’intenti, “Sì, possiamo far brillare il mondo“.

La luce era già dannatamente brillante per . Sulla scia del loro quarto album Yours to Keep nel 2019, hanno lanciato un enorme tour che ha fatto registrare il sold out in arene e stadi in tutta l’Australia prima di conquistare Nuova Zelanda, Cile e Brasile. Quando la pandemia ha interrotto il tour, la band ha rivolto la propria attenzione alla scrittura e alla registrazione. Inizialmente, avevano realizzato un disco acustico ma anche quei piani sarebbero stati scartati, e il DNA del disco si sarebbe poi formato nelle sessioni a seguire.

Negli album precedenti, avevamo passato molto tempo di fronte a un computer a cazzeggiare”, Paddy. “Dato che siamo entrati nel disco pensando che sarebbe stato un album acustico, stavamo scrivendo canzoni più naturali e organiche. Sono stati ridotti alla sola chitarra acustica, pianoforte e testi. È stato davvero un buon modo per mixare gli ultimi due album. Volevamo che suonasse come dal vivo“.

 Nell’estate del 2020, Paddy, Seamus, Beaks e Freddy si sono trasferiti in “un motel di merda” per tre mesi mentre visitavano la casa di Dylan ogni settimana per scrivere. Tra la scrittura e la registrazione, i demoni personali si sono insinuati. Dylan ha superato diversi overdose e anche Paddy è andato in rehab. Questi fratelli si sono supportati a vicenda durante mentre si dirigevano ai Grove Studios sulla costa centrale con il chitarrista originale Taras Hyrubi-Piper come produttore e il loro produttore storico Dann Hume al mixing.

Dann non è riuscito a farcela a causa del lockdown, quindi abbiamo chiamato Taras”, Seamus. “È stato un personaggio importante nel processo di scrittura delle canzoni, ed è rimasto un quinto Beatle, per così dire. Ha creato un’opportunità per lui di farsi avanti. Dann fa ancora parte del mix. È il primo disco degli Sticky su cui abbiamo avuto un produttore diverso“.
“Taras ha riportato indietro parte dell’energia iniziale“, aggiunge Crabs. “È un reset. Puoi sentire alcuni di quei vecchi suoni. Abbiamo avuto quelle sonorità psichedeliche dal nostro debutto Caress Your Soul“.

 Nel singolo principale, “We Can Make The World Glow”, Dylan si avvicina a un ritmo ribollente con un canto pieno di sentimento prima che un rimbalzo reggae prenda il sopravvento con un hook leggero, “Possiamo far brillare il mondo, vivere la vita in estasi, rimbalzare la tua gravità.

Stavamo cercando di raggiungere la positività”, afferma Paddy. “I testi sono divertenti.” Nel frattempo, “My ” si svolge come un cupo inno sorretto da un sinistro ritmo elettronico, inquietanti trasmissioni di chitarra e nenie ipnotiche. Intona: “Questo mondo è pazzo. Credimi perché sono, sono tornato dai morti.” “Ho previsto la mia morte perché sono stato in terapia intensiva per otto ore”, ammette Dylan. “Ripensandoci, ho perso la testa.”

Diventando allegramente sentimentale, chitarra acustica e voce morbida si intrecciano in “Love Song”. All’estremo opposto  “Lupo The Wolf” descrive in dettaglio la storia del gangster siciliano famoso per “diventare un boss e fare a pezzi le persone”. Attingendo a uno spirito nostalgico, le melodie malinconiche di “Where I’m From” raccontano “quattro stagioni in un giorno, ricordi di essere the road e di vivere insieme, ricordando da dove veniamo“, secondo Paddy. “Gli Sticky non sono mai stati una band che si attiene a un genere in particolare“, osserva Paddy. “Da una canzone all’altra o da un disco all’altro, saltiamo in giro e facciamo quello che cazzo vogliamo. Soddisferemo i nostri fan della vecchia scuola, spingendo al contempo suoni che non abbiamo mai esplorato prima“.

Anche attraverso tutta la follia e l’oscurità, brilla più che mai.
Vale la pena festeggiare dopo il quinto album”, conclude Crabs. “Ci rendiamo conto che non siamo niente male in quello che facciamo. Penso che nessuno di noi possa immaginare di fare nient’altro. Non so come vivremmo, perché ci siamo così abituati. È la dipendenza più positiva che tutti abbiamo”.
Se avessimo un messaggio, è ‘cazzo, fallo’“, conclude Dylan. “Non permettere a nessuno di dirti che non puoi fare qualcosa, perché puoi. Basta non essere pigro. Qualunque cosa tu faccia, non impiegare due anni e mezzo per finire un album“, ridacchia.

Fin dall’inizio, i ragazzi hanno sognato di esibirsi in un grande concerto gratuito per la comunità, il Newton Festival, che li ha ripetutamente rifiutati anno dopo anno. Puntando il dito medio sull’establishment (il primo di molte volte), improvvisarono. La loro amica viveva in vista del festival, quindi l’hanno convinta a lasciarli “ fare un piccolo spettacolo in giardino“. Ha detto nervosamente: “Sì”.

Durante la notte, gli hanno eretto un palco su 200 casse di latte supervisionate da Beaks (che all’epoca svolgeva un lavoro nell’edilizia). Non appena il festival si è concluso, i musicisti sono saliti sul palco improvvisato e hanno tenuto un’esibizione da headliner, attirando l’attenzione del produttore Dann Hume. Questo ha dato il via a una fruttuosa collaborazione creativa, che continua a prosperare.
“Siamo stati gli headliner ufficiosi del festival quando tutti stavano uscendo“, ricorda Dylan. “Tutti i nostri amici erano lì solo a fare una festa sul tetto, a strappare le palme e ad impazzire. È stato un piccolo inizio alla nostra carriera. E’ il viaggio che ti modella, non la destinazione, giusto?”

Il gruppo si è presentato nel 2013 con il loro album d’esordio Caress Your Soul.
Abbiamo sempre avuto la convinzione che se ci fa sentire bene, farà sentire bene anche qualcun altro“, afferma Paddy.

 I fan di tutto il mondo si sono sentiti allo stesso modo quando l’album alla fine ha ottenuto una certificazione di platino ARIAA. Land of Pleasure del 2014 è diventato disco d’oro, è arrivato fino al numero 3 della classifica degli album australiani e ha dato il via a una serie di tre album consecutivi nella Top 5. Nel 2016, Westway (The Glitter & the Slums) ja raggiunto il numero 1, consolidandoli come l’esportazione più hot dell’Australia. Quando  Yours To Keep ha conquistato il quarto posto in classifica, gli hanno lanciato il loro più grande tour fino ad oggi, registrando il tutto esaurito nelle arene e negli stadi in tutto il continente. Come sempre, lo hanno fatto a fari spenti annunciando e promuovendo gli spettacoli tramite i social media.

 Lungo la strada, Sticky Fingers ha sostenuto varie organizzazioni filantropiche. Nel loro tour del 2019, hanno collaborato con Cairo Skateboards per produrre skateboard e Street X per il merchandising in edizione speciale per raccogliere fondi per il Rural Fire Service New South Wales. Nel corso di una sola corsa, la band ha raccolto più di $ 250.000.
Il New South Wales è stato il più colpito”, sospira Freddy. “Ecco da dove veniamo, quindi abbiamo deciso di aiutare come potevamo.”

 Yours To Keep ha segnato non solo una svolta creativa, ma anche una svolta personale. Sarebbe stata la prima volta che registravano da sobri e i groove imprevedibili, gli hooks ermetici e la musicalità genuina hanno affermato la loro evoluzione.
Per molti versi, quel disco è stato abbastanza trionfale”, continua Beaks. “Siamo stati effettivamente in grado di vivere uno stile di vita più sano e non essere solo un’altra storia di dipendenza e infine morte e morte. Non volevamo ripetere la vecchia storia“. 
Sono orgoglioso di aver superato le nostre esperienze finora e non siamo morti“, aggiunge Dylan. “Ci sono state un paio di occasioni in cui abbiamo bussato alla porta del paradiso. Tuttavia, siamo qui come una famiglia!”

Alla fine, la famiglia si rafforza solo con il passare del tempo. Il quinto album in studio degli Sticky Fingers, Lekkerboy, è già uscito ovunque.

Total Page Visits: 201 - Today Page Visits: 2

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.