LAILA AL HABASH: è il primo appuntamento del BMA SHOWCASE FESTIVAL

Condividi


Apre il BMA SHOWCASE FESTIVAL
BOLOGNA MUSICA D’AUTORE
Sesta edizione

Giunto alla VI edizione, torna il Festival di casa Fonoprint, il BMA – Bologna Musica D’Autore, dedicato ai giovani cantautori emergenti nella scena musicale italiana. 

Primo appuntamento con 1 Aprile – Locomotiv Club – Bologna

L’obiettivo è dare la possibilità ad artisti emergenti di esporsi, di confrontarsi con i professionisti del settore musicale e di esibirsi in un tour itinerante in varie realtà italiane.

Le iscrizioni, come sempre riservate agli artisti che abbiano sviluppato un progetto, sia come singolo che come band, e che abbiano voglia di farsi conoscere si sono chiuse il 22 febbraio. Successivamente la commissione ha selezionato 6 finalisti i quali avranno la possibilità di esibirsi in diversi palchi d’Italia.
Un’occasione unica per i cantautori che colgono questa possibilità per far conoscere il proprio talento ed esibirsi di fronte a un pubblico più ampio.
 
Esempi concreti di questo sono i finalisti di BMA 2019Neno, il vincitore proclamato nell’ultima serata al Teatro Duse, è stato protagonista di “Amici” di Maria De Filippi.

Il BMA si conferma un importante trampolino di lancio per tutti coloro che partecipano.

Il programma di BMA 2022 si estende da febbraio a ottobre.  Rispetto agli altri anni, sono state aggiunte importanti novità, tra cui nuovi appuntamenti, eventi, talk, location inaspettate e coinvolgimenti in noti Festival, ma soprattutto l’introduzione di una Settimana della Musica a settembre.
 
Guarda i video di BMA 2021

PREMI
Miglior progetto BMA
10 giornate di registrazione o produzione presso gli studi Fonoprint con fonico resident.
 
Miglior Performance Live
Registrazione e pubblicazione di una puntata di “Fonoprint Live Session”


ISCRIZIONI CHIUSE IL 22 FEBBRAIO 2022. 
 
Per tutte le informazioni, la documentazione e il regolamento di BMA 2022, visita il sito ufficiale www.bolognamusicadautore.it
 

FONOPRINT
Fonoprint e il progetto Bologna Musica d’Autore – BMA Protagonista in questo scenario lo studio Fonoprint che, nato nel 1976, inizia collaborazioni con grandi musicisti, arrangiatori e produttori tra cui Guido Elmi, Paolo Zavallone, Henghel Gualdi, Francesco Guccini, Celso Valli, Fio Zanotti, Mauro Malavasi. Uno studio all’avanguardia, dove musicalmente nascono gli , dove nel 1983 arriva Dalla, poi , Ron, Vasco Rossi che incide “Bollicine”, i Matia Bazar, i , con l’album “Varietà” e un giovanissimo, reduce dal successo sanremese, . Lucio Dalla qui incide “Caruso”, con cui raggiunge la consacrazione internazionale e diventa socio Fonoprint. Tutti i grandi artisti italiani sono passati da qui… Ramazzotti, , Luca Barbarossa, , Ivano Fossati, , Francesco Guccini, Samuele Bersani, , Mina, , , … A fine 2015 l’azienda entra nell’orbita dell’imprenditore Leopoldo Cavalli, un grande appassionato di musica che, insieme alle istituzioni cittadine, si pone l’obiettivo di dare a Bologna un ruolo centrale nella produzione e diffusione della musica d’autore! Nasce così il progetto Bologna Musica d’Autore – BMA – che, con il patrocinio di Comune di Bologna e SIAE, è organizzato e promosso da Fonoprint. BMA ha l’obiettivo di dare voce a giovani e talentuosi cantautori italiani e di presentarli sulla scena musicale nazionale grazie a partnership con importanti player del mercato ovvero enti e concorsi accreditati nell’ambito delle produzioni musicali e del cantautorato italiano di qualità!

Bologna e la musica
Bologna ha una lunga e illustre tradizione musicale, le cui origini risalgono al XV° secolo quando le chiese principali della città avevano una cappella musicale, che fungeva da vera e propria scuola di musica. Con il passare del tempo sono stati creati il Teatro del Pubblico, il Teatro Formigliari e il Teatro Malvezzi e nel 1666 è stata fondata la famosa Accademia Filarmonica, alla quale si iscrissero i più grandi musicisti italiani ed europei tra cui Bach e Mozart; Bologna divenne così una delle principali tappe del Grand Tour della musica. Oggi questo glorioso passato è testimoniato all’interno delle collezioni permanenti del museo internazionale e la biblioteca della musica a Palazzo Sanguinetti.

Accanto a una quotidiana e diffusa proposta musicale, a Bologna spiccano eccellenze che confermano il suo primato nel panorama nazionale e internazionale tra cui l’Accademia Filarmonica, il Teatro Comunale, con la recente Scuola dell’Opera, il Conservatorio G.B. Martini e il Dipartimento di Arte Musica e Spettacolo dell’Università che convivono e collaborano in un dialogo continuo con importanti rassegne di profilo internazionale.

Bologna e le canzoni d’autore
Non è quindi un caso che proprio il territorio bolognese nel corso degli anni abbia dato i natali, biologici e artistici, ad interpreti e cantautori adatti a tutti i gusti e tutte le età , da Lucio Dalla, , Francesco Guccini, e gli fino a e Cesare Cremonini. A partire dagli anni ’70 poi, sono nate case discografiche e studi di registrazione tra i più importanti, conosciuti e tecnologicamente avanzati d’Italia in cui sono state incise le canzoni “più belle e famose di sempre”! Qui hanno visto la luce opere d’arte che fanno cantare e sognare intere generazioni, “Siamo solo noi”, “Una storia importante”, “Farfallina”, “Vespa 50″, “Con te partirò”, “Io canto”, “Chiedi chi erano i Beatles” e tante altre ancora…
 

Total Page Visits: 335 - Today Page Visits: 1

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.