VOLVO STUDIO MILANO: uno spazio culturale

Condividi

VOLVO STUDIO MILANO
Le arti e l’innovazione nel cuore della Milano moderna
Al via la rassegna

Nel cuore della “nuova” Milano, sotto i moderni grattacieli, ormai parte integrante della skyline della città, c’è un posto dove si fa dell’intensa attività culturale. Il “luogo” (difficile connotarlo) si chiama Volvo Studio Milano. La prima cosa che viene in mente è che potrebbe essere un concessionario della nota marca automobilistica svedese. Ma non lo è, o meglio è una sorta di Showroom dentro al quale si trova qualche modello della macchina. Il Volvo Studio in realtà è uno spazio “brandizzato” dalla casa automobilistica destinato però ad accogliere non clienti in cerca di nuovi modelli ma eventi artistici e pubblico ad essi interessati.

Da qualche anno questo moderno “incubatore” culturale apre il suo spazio a incontri, mostre, concerti, dibattiti tutti legati all’arte. Anche per questo 2023, sotto l’egida di Volvo, si svolgeranno attività che interesseranno diverse arti, che a volte s’intrecciano tra loro. Un calendario fitto che coinvolge diversi partner, ognuno dei quali ha elaborato un proprio progetto per soddisfare (in estrema libertà) il “tema” dell’anno dettato dallo “sponsor” che per il 2023 sarà quello della “sicurezza come ambiente creativo”. “Trasferendo tale affermazione alle forme espressive di natura artistica – dicono gli organizzatori – prende forma il leitmotiv degli appuntamenti con i quali il Volvo Studio ribadirà, anche per i prossimi mesi, il proprio ruolo di luogo per la diffusione della cultura al massimo livello a Milano.”

Volvo Studio Milano

Il concetto (e la sua “traslazione” artistica) di Sicurezza come Ambiente creativo viene spiegata ancora meglio con queste parole da Chiara Angeli, Head of Commercial Operations Volvo Car Italia e responsabile delle attività del Volvo Studio Milano :

Per calibrare l’accezione del concetto di Ambiente è utile partire da quello di Habitat, inteso come l’ambiente congeniale alle proprie inclinazioni o ai propri gusti. Quello di Habitat è un tema imprescindibile attraverso il quale esplorare la contemporaneità. Con Habitat non ci riferiamo solo all’ambiente nel senso di contenitore naturale; è anche lo spazio nel quale si generano le relazioni e le interazioni attraverso le quali costruiamo la nostra idea di noi e di mondo. L’Habitat – prosegue l’ideatrice della manifestazione – può essere l’ambiente naturale, un ambiente virtuale, il quartiere dove viviamo, l’abitacolo della nostra auto.
Collegato al concetto di Habitat è quello di Umwelt, generalmente definito come ‘universo soggettivo’. I diversi organismi hanno diversi umwelten, anche se condividono lo stesso ambiente. Di fatto, esistono tanti Habitat/Umwelt quanti sono i sistemi sensoriali che abitano il pianeta.
Nella visione di Volvo –
conclude Chiara Angeli – la finalità dell’azione e del pensiero deve essere la Persona in modo che l’ambiente nel quale si trova sia di fatto un Habitat in grado di proteggerla e valorizzarla. La Sicurezza diventa quindi un elemento essenziale in questa costruzione. Solo quando ci si sente sicuri si è in grado di liberare le energie migliori in senso di creatività, capacità di esplorazione e di immaginazione.

Per questa nuova edizione, a cimentarsi sul tema, sono stati selezionati i progetti dei partner che sono: La Milanesiana, BAM-Biblioteca degli Alberi Milano, Fondazione Riccardo Catella, Triennale Milano Teatro, Ponderosa Music Art e Viasaterna Arte Contemporanea.

La partenza della rassegna, prevista per il 19 ottobre, è affidata alla musica. Il direttore artistico della parte musicale, Titti Santini (Ponderosa Music & Art), come al solito ha posto grande attenzione alle scelte e ai progetti. Quella che realizza è una proposta di qualità e non certo banale (come d’altronde non lo è l’intero progetto) e che va sotto il nome di EVOLVO. Evoluzioni sonore nello spazio tecnologico”. Si tratta di una serie di incontri nel segno dell’innovazione tecnologica e dei suoi risvolti nella creatività e nell’arte. Il ciclo di tre appuntamenti serali porta il pubblico a scoprire le nuove frontiere del suono, con suggestioni artistiche in cui l’uomo possa vivere in armonia, con intelligenze artificiali creative, in una sintesi spettacolare di tecnologia, cuore e anima. Una vera e propria residency artistica che vedrà Rodrigo D’Erasmo, Niklas Paschburg e Ricciarda Belgiojoso duettare con Alex Braga ed A-Mint, la prima intelligenza artificiale musicale.

Alex Braga è il primo artista a utilizzare questo nuovo strumento chiamato “A-MINT” (Artificial Music Intelligence) creato da lui stesso insieme ai professori Antonio Laudani e Francesco Riganti dell’Università di Roma. Si tratta della prima AI adattiva che in tempo reale consente all’artista di esplorare una creatività audio visiva infinita. Lo “strumento” decodifica lo stile d’improvvisazione dell’artista senza limiti di generi musicali creando un unico e imprevedibile duetto con se stessi

Questi i dettagli delle date (inizio concerti alle 21:30. Accesso con registrazione e consumazione obbligatoria):

19 gennaio 2023 Rodrigo D’Erasmo al violino e Alex Braga con il suo “A-Mint”
16 gennaio 2023 Niklas Paschburg al piano e Alex Braga con il suo “A-Mint”
09 marzo 2023 Ricciarda Belgiojoso al piano e Alex Braga con il suo “A-Mint”

Ma Titti Santini non si ferma a questo progetto e all’interno della rassegna al Volvo Studio Milano porta la seconda edizione di un’altra interessante manifestazione da lui curata. Si tratta di Un Mare di Suoni”, appuntamenti fra marzo e aprile con i quali si parte alla scoperta delle musiche dal Mediterraneo cancellando i confini per toccare terre come la Turchia e Israele.

Per il sesto anno consecutivo Volvo Studio Milano ospita quattro eventi di Piano City Milano, uno dei più grandi festival musicali del mondo sempre curato da Ponderosa.

Confermati anche i concerti del ciclo Break in Jazz– aperitivo nel dehors accompagnato da musica live. Protagonisti della rassegna saranno ancora una volta giovani jazzisti laureati in Alta Formazione Artistica e Musicale presso i Civici Corsi di Jazz di Milano, la prestigiosa scuola fondata e diretta dal maestro Enrico Intra.

Il Volvo Studio Milano vedrà infine ospitare nel mese di ottobre la quinta edizione del progetto Jam the Futurein preparazione degli appuntamenti del festival JAZZMI 2023 (manifestazione diffusa sul territorio urbano sempre firmata da Ponderosa).

Il calendario completo di tutti gli eventi artistici che si svolgeranno al Volvo Studio Milano è disponibile suwww.volvocars.com/it/studios/milano


Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *