GALEFFI: due live per il nuovo disco

Condividi


Live a Milano e Roma per presentare “Belvedere”

Dopo aver pubblicato due album e aver atteso tre anni dal suo ultimo concerto ufficiale, è finalmente pronto a tornare sul palco con uno show tutto nuovo, una band rinnovata e una scaletta che spazia nel meglio della sua discografia. 

Adesso per il cantautore è arrivato il momento di condividere il suo viaggio, intrapreso con i suoi ultimi due dischi ancora mai eseguiti nel corso di un tour, con tutte le persone che non vedono l’ora di farsi trasportare ed emozionare dalla sua musica anche dal vivo. Sono 2 gli appuntamenti speciali, nel corso dei quali porterà in due città a lui molto care il suo nuovo progetto, “Belvedere”, il suo secondo album “Settebello” (uscito a marzo 2020) e tutti i brani più amati dal suo pubblico.

Ad accompagnarlo sul palco saranno: Luigi Winkler (chitarra), Matteo Cantagalli (tastiera e chitarra), Fabio Grande (chitarra, basso, cori) e Andrea Palmeri (batteria).

Di seguito le date annunciate, prodotte e organizzate da :

03 dicembre 2022 –
11 dicembre 2022 – MAGAZZINI GENERALI
MILANO 

Info biglietti su www.magellanoconcerti.it, www.ticketone.it, www.ticketmaster.it

decide di accompagnare la notizia del suo ritorno sui palchi pubblicando un video intimo ed emozionante di “Dolcevita”, diretto da Thomas T. Fasciana

Registrato durante una live studio session realizzata dall’artista, accompagnato dalla band, nei prestigiosi Forum Studios di Roma, luogo storico che ha ospitato grandissimi artisti come il Maestro Ennio Morricone nella realizzazione di molte delle sue meravigliose colonne sonore.

Questo video è solo il primo capitolo di una serie di tre live registrati in questo scenario così suggestivo e che verranno pubblicati nei prossimi mesi. 

Un disco, “BELVEDERE”, in cui osa negli arrangiamenti e lo trova rinnovato anche dal punto di vista autoriale. Una crescita, quella musicale e personale, che si percepisce anche dai suoi testi, attraverso i quali si scopre, mettendo più a nudo che mai anche le sue fragilità e debolezze, provando ad andare oltre i temi che tanto gli sono stati cari nei precedenti lavori. Figlia della maturità acquisita negli ultimi anni è la sua attuale capacità di analizzare le relazioni interpersonali e il mondo che gira intorno con occhi nuovi e uno spirito sicuramente diverso.

Non è improprio dire che “BELVEDERE” sia un album squisitamente pop, nato da una fase creativa e di contaminazione che ha aperto a tante collaborazioni: da quelle con diversi produttori (Iacopo “BRAIL” Sinigaglia, Tommaso Colliva, Fabio Grande, Mamakass, Alessandro Forte e Matteo Cantagalli, fratello dell’artista all’esordio nelle vesti di producer) a quelle con amici autori (come e Zibba). A questa nuova fase musicale dell’artista non è mancata nemmeno la complicità di musicisti di spessore: e Massimo Martellotta (), Carmelo Patti, Robbo Scogna, Filippo Cornaglia (, Andrea Laszlo De Simone), Francesco Aprili (), Sebastiano Burgio (, Davide Shorty, Aine, Massimo Ranieri), Danilo Bigioni (Flaminio Maphia, Neffa, , Morricone). 

Ha preceduto “BELVEDERE”, il suo secondo album “SETTEBELLO”, un lavoro definito dallo stesso artista “coraggioso, con un occhio verso il passato e l’altro rivolto al futuro”, un vero e proprio ponte tra i successi genuini del suo esordio discografico e la bellezza senza confini dei brani contenuti nell’ultimo progetto.

è un cantautore romano, classe 1991. Il suo album d’esordio “Scudetto”, uscito nel 2017 per Maciste Dischi, desta immediatamente un grande interesse da parte di pubblico e critica, collezionando oltre 25 milioni di ascolti streaming e portando l’artista a fare in meno di un anno un tour di 70 concerti nei principali club e festival italiani, molti dei quali andati sold out, passando per il del Primo Maggio di Roma e dal Mi Ami Festival di Milano. Marco Cantagalli, questo il suo vero nome, è dotato di vocalità graffiante e potentissima e si fa cantare e ricordare, grazie a una scrittura riconoscibile ed efficace. Cresciuto con il pop seminale dei Beatles, il Soft rock di Nutini, il Neo Soul di Amy Winehouse, il cantautorato francese, Serge Gainsbourg, Father John Misty e Patrick Watson, rappresenta sin dal suo esordio un unicum nel cantautorato italiano. Grazie alle sue molteplici anime, il suo pop senza compromessi e la maturità artistica conseguita negli anni, il cantautore romano riesce a entusiasmare e convincere il suo pubblico a ogni sua pubblicazione.

https://www.instagram.com/galeffi_galeffi/

Total Page Visits: 142 - Today Page Visits: 1

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *