MARIO LAVEZZI: 5 concerti per i 50 anni di carriera. Tante sorprese e ospiti per festeggiare.

Condividi

tour teatrale
… e la vita bussò – il tour
A GENNAIO NEI TEATRI
Tante sorprese e ospiti per celebrare 50 anni di musica d’autore

i successi

Una carriera da ‘music maker’ unica in Italia! Tra i successi scritti, prodotti, interpretati da Lavezzi: “Vita” (Dalla – Morandi), “E la bussò” (Berte’), “E’ tutto un attimo” (Oxa), “E’ l’ora dell’amore” (Camaleonti), “Quello che le donne non dicono” (Mannoia), “Dolcissima”, “Meravigliosa” () e “Stella gemella” (Ramazzotti)

… E la vita bussò tour

presenta il tour teatrale 2020 “…E LA VITA BUSSÒ”, con cui festeggia 50 anni di musica d’autore. Un traguardo importante per uno degli artisti più stimati del panorama musicale. La sua storia è singolare e unica in Italia, la complessità artistica del suo talento e le sue enormi doti fanno di lui un esponente significativo nella discografia del nostri paese: Lavezzi è un vero, raffinato “music maker”, per riassumere un’attività che rimanda ai “grandi” della musica internazionale (pensiamo a Quincy Jones, a Burt Bacharch).

Saranno cinque gli appuntamenti dal vivo con il pubblico: l’anteprima è fissata per il 18 gennaio a Cagli (Pesaro e Urbino) al Teatro Comunale di Cagli; poi il 20 gennaio a Milano, ; il 24 gennaio a Bologna, Teatro Duse; il 28 gennaio a Roma, Auditorium Parco della Musica; e il 31 gennaio a Torino, Teatro Colosseo.

La carriera di Lavezzi, ricchissima di successo e qualità in ogni campo, lo ha portato a scrivere, cantare, produrre, arrangiare, suonare canzoni e dischi tra i più conosciuti della nostra musica, con una serie impressionante di hit per gli altri e per sé. Molte di queste sono state raccolte in un cofanetto di recente pubblicazione dal titolo “…E la vita bussò”.

La storia di 50 anni in musica

“…E LA VITA BUSSÒ” sarà un viaggio in musica scandito a tappe attraverso le epoche che ha vissuto, che vanno dal Beat, al movimento Hippy, all’impegno politico degli anni ’70, alla musica dance, fino ad oggi. Il tutto corredato dai grandi successi di quei momenti fino alle attuali hit. Un percorso musicale che Lavezzi racconterà con ironia ed eleganza, e con la consapevolezza di aver vissuto periodi molto significativi della nostra cultura popolare in musica: la sua esperienza e le canzoni con Lucio Battisti e Mogol; gli anni e le canzoni con i “Camaleonti”, i “Flora Fauna e Cemento” e “” (non il trio di pop lirico ma una tra le più interessanti formazioni del periodo rock progressive anni ’70 in Italia); le canzoni e gli album prodotti per le “signore della canzone italiana”, fino all’esperienza con Teo Teocoli con oltre 200 repliche teatrali.

Lo spettacolo

Molti ospiti saliranno sul palco con Lavezzi e lo spettacolo riserverà belle sorprese: le canzoni saranno accompagnate da curiosità e racconti inediti messi a punto insieme a Danilo Vizzini e Marzia Turcato, ed arricchiti da filmati e immagini esclusive che Mario ha trovato e approfondito con l’aiuto dello scenografo Giuseppe Ragazzini. A firmare la regia di questo show c’è Duccio Forzano (“Festival di Sanremo”, “Che tempo che fa”). Naturalmente nella scaletta scelta non mancheranno i grandi successi scritti da Lavezzi per le celebri voci della musica italiana, alternate alle nuove canzoni.

Lo accompagneranno Cristina Di Pietro al pianoforte e voce che duetterà con lui e i Pop con Alessandro Governatori al basso, Paolo Tarini alla batteria, Paolo Pedretti alla chitarra, Michele Scarabattoli alle tastiere.

Questo il calendario:

Sabato 18/1 – Cagli (PU), Teatro Comunale di Cagli (anteprima)
Lunedì 20/1 – Milano,
Venerdì 24/1 – Bologna, Teatro Duse
Martedì 28/1 – Roma, Auditorium Parco della Musica
Venerdì 31/1 – Torino, Teatro Colosseo

Total Page Visits: 1224 - Today Page Visits: 1

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *