ANGELO BRANDUARDI: un concerto che funziona alla perfezione. Recensione

Condividi

recensione concerto
19 Dicembre 2019
Teatro Ariston
Acqui Terme (AL)

Voto 7,5
Testo e foto di

Dopo il lungo tour che l’ha visto impegnato per tutto il 2019 a riproporre i brani più belli del suo repertorio, Branduardi ha ripreso l’attività live portando in scena uno spettacolo molto particolare, quasi unico nel panorama delle musica leggera.

Branduardi Live
In scena il nuovo disco “Il Cammino Dell’Anima”

Il concerto segue la pubblicazione del nuovo disco, “Il Cammino Dell’Anima”, un lavoro coraggioso che riporta ancora una volta il musicista a contatto con il passato, ma come sempre con lo sguardo rivolto al presente. Qui siamo addirittura nell’anno , l’epoca in cui visse Hildegarde von Bingen (1098-1179), alla cui opera originale si è ispirato il cantautore lombardo. Compositrice, naturalista, scrittrice, poetessa, musicista, filosofa e monaca benedettina, Hildegarde è considerata in qualche modo antesignana del femminismo. Una di quelle personalità geniali che il musicista lombardo definisce “marziani”, tanto più avanti appaiono rispetto ai loro contemporanei.

Hildegarde von Bingen

Branduardi si presenta da solo sul palco per una lunga introduzione, raccontando in maniera semplice e appassionata chi era Hildegarde von Bingen, accompagnando così il pubblico all’ascolto dei brani del nuovo disco. Introduzione necessaria, perché la prima parte del concerto è un’unica lunga suite in cui viene riproposto per intero il disco.

Un approccio tipicamente teatrale

Branduardi sceglie un approccio tipicamente teatrale, con i musicisti nascosti dietro a un telo, più o meno trasparente a seconda delle luci, che li trasforma in ombre cinesi quando viene abbassato. La lunga suite è il racconto della redenzione di un’anima dannata, in cui i musicisti interpretano i diversi personaggi della narrazione insieme a Branduardi, che per se stesso si riserva le parti dell’anima e del diavolo.

Branduardi Live

L’opera, con questa lettura live teatrale, prende forza e vigore, guadagnando molto in confronto alla resa su disco. Una prima parte di concerto che ha convinto ampiamente il pubblico, che più volte ha applaudito durante l’esecuzione dei brani.

Le hit storiche

Ma le canzoni che il pubblico si aspetta sono altre, e Branduardi le riserva per la seconda parte della serata. Non mancano infatti i grandi successi del suo repertorio, da “Si Può Fare”, con cui apre il secondo set, a una splendida versione di “La Pulce D’Acqua” con cui chiude il concerto, passando per le celebri “La Serie Dei Numeri”, “Ballo In Fa Diesis Minore” e “Alla Fiera Dell’est”, tutte accolte con applausi calorosi.

Branduardi Live
L’Infinitamente Piccolo

Molto interessante anche il breve spazio al centro del concerto dedicato al disco “L’Infinitamente Piccolo”, lavoro pubblicato nel 2000 e dedicato alla vita di San Francesco; opera a cui il musicista evidentemente tiene molto, e che all’epoca, ricorda, era stato ingiustamente trascurato dalla sua casa discografica. Da quell’album propone tre brani, tra cui spicca una intensa “Il Cantico di Frate Sole”, prima recitata e poi cantata. Altrettanto intensa l’esecuzione di “Lord Franklyn”, che presenta come la più bella melodia mai scritta, un brano inglese dell’800 tradotto in italiano e pubblicato nel disco “Il Rovo E La Rosa”: iniziata solo con piano e voce, si conclude con la band che entra nel finale all’alzarsi del sipario.

Ma è tutto il concerto in realtà che funziona alla perfezione, merito anche di una band che Branduardi ha definito la migliore che abbia mai avuto. Il concerto si chiude con due bis: il classico “Cogli La Prima Mela” e l’intensa e profonda “L’Estasi, Il Figlio”.

Scaletta:

Il cammino dell’anima – suite
– Preludio
– Il cammino dell’anima 1
– Il cammino dell’anima 2
– Il cammino dell’anima 3
– Gerusalemme (strumentale)
– L’estasi, La donna
– Sinfonia (strumentale)
– L’estasi, Il figlio
– Coda

Si può fare
Gulliver
La serie dei numeri
Il cantico di frate sole
Il sultano di Babilonia e la prostituta
Nelle paludi di Venezia Francesco si fermò per pregare e tutto tacque
La
Il dono del cervo
Lord Franklin
Ballo in fa diesis minore
Alla fiera dell’est
La pulce d’acqua

Bis
Cogli la prima mela
L’estasi, Il figlio

Branduardi Live
Il Tour – Prossime date

11 Gennaio – Crotone – Teatro Apollo
20 Febbraio – Bergamo – Teatro Creberg
24 Febbraio – Milano –
26 Febbraio – Torino – Teatro Colosseo
29 Febbraio – Padova – Gran Teatro Geox
06 Marzo – Napoli – Teatro Politeama
08 Marzo – Loreto (An) – Palacongressi
27 Marzo – Bologna – Teatro Celebrazioni
04 Aprile – Varese – Teatro Openjobmetis
08 Maggio – Sanremo (Im) – Teatro Ariston
30 Maggio – Udine – Teatro Giovanni Da Udine

recensione concerto

Total Page Visits: 2600 - Today Page Visits: 1

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *