ROBERT PLANT: Tra passato, presente, rock, blues ed Africa. Recensione

Condividi

recensione concerto Milano 2018
27 Luglio 2018
Ippodromo San Siro
Milano

Voto: 7,5
Testo e foto di

Il pubblico intergenerazionale

C’era grande attesa per l’unico concerto italiano del nuovo tour di , in supporto dal nuovo disco di inediti “Carry Fire”, anche perché, cadendo nel 50^ anniversario della nascita dei Led Zeppelin, dava a molti la di un concerto celebrativo della mitica band inglese. Cosa che ha fatto convergere nel prato dell’Ippodromo di Milano un pubblico davvero intergenerazionale, dai 16 ai 70 anni. In realtà, come sempre nei suoi tour, bilancia sapientemente la setlist prendendo da tutta la sua carriera, senza dimenticare le sue radici, quelle dei Led Zeppelin ma soprattutto quelle del blues (durante il concerto cita apertamente Lead Belly come una delle sue ispirazioni primarie)

Robert Plant Live Milano 2018
I Led Zeppelin …

Ecco quindi la celebre “Lemon Song” dei Led Zep come apertura, anticipata da ritmi tribali che arrivano direttamente dall’Africa, e il blues di Bukka White a chiudere il concerto con “Fixin’ to Die”. In mezzo, 90 minuti di musica ad alto livello, con una band perfetta, i Sensational Space Shifters, capace di maneggiare il repertorio degli Zeppelin senza sfigurare con gli originali (ottima “Black Dog”, molto bella “Going to California”), il folk inglese e la musica tradizionale (“Little Maggie” e “Gallows Pole”, dove spicca il violino di ), regalare al pubblico una splendida versione di “Babe, I’m gonna leave you”. Infine chiudere la serata con un lungo medley costruito intorno a “Whole Lotta Love”. Da parte sua, ci mette la voce, ancora pulita e chiara (anche se per i suoi mitici acuti deve fare ricorso a tonnellate di echo), la capacità di scegliersi una band di grandi professionisti, e l’intelligenza di saper invecchiare con dignità, senza atteggiamenti da giovane rockstar a 70 anni (solo Jagger riesce ancora a essere credibile in questo), e puntando tutto sulla qualità della musica. 

Robert Plant Live Milano 2018
…e le novità

Una musica davvero a 360 gradi, che passa da sonorità blues e rock a suoni che arrivano dal medio oriente, ritmi africani e folk inglese, fino ad accenni di dance elettronica: tutto entra nella musica di , creando un suono credibile, che cerca di guardare avanti. E non è un caso se uno dei momenti più interessanti dello show si è avuto con una splendida versione della title trak del nuovo album, “Carry Fire”. non si è auto condannato a ripetere all’infinito il passato suonando sempre le solite quindici canzoni (vedere alla voce Rolling Stones), ma, consapevole di avere un passato ingombrante, si diverte a giocarci, spesso ironizzandoci su, senza esserne succube, mantenendo una credibilità artistica intatta. E questa sicuramente è una grande qualità.

Robert Plant Live Milano 2018
SET LIST:

The Lemon Song
Turn It Up
The May
Black Dog
Going to California
Please Read the Letter
Gallows Pole
Carry Fire
Babe, I’m Gonna Leave You
Little Maggie
Fixin’ to Die

Encore:
Rainbow
Bring It Home / Whole Lotta Love / Santianna / Whole Lotta Love

Robert Plant Live Milano 2018
recensione concerto Milano 2018
Total Page Visits: 584 - Today Page Visits: 1

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *